Monica - volontaria con il Servizio Volontario Europeo

Monica ha fatto volontariato presso l’associazione Mons. G. Babini tramite il Servizio Volontario Europeo.

E’ arrivata dalla Polonia, da Wroclaw, una città ricca di storia che un tempo si chiamava Breslavia e che ha dato ha dato i natali ad una santa dei nostri tempi,  Edith Stein.

Wroclaw, in passato, era una tappa della ‘via dell’ambra’ attraverso la quale i romani commerciavano con i popoli del nord. In epoca medievale, segnata dalla costruzione di ingenti opere pubbliche come la cattedrale, divenne sede del vescovado e acquisì sempre più importanza.

 Poco dopo il suo arrivo, in occasione della sua presentazione alla cittadinanza, fatta alla presenza delle autorità locali, della Fnp e dell’Anteas ci ha srisse una lettera.  con la quale si è presentata:

 

 

“Mi chiamo Monika Lipinska e sono una nuova volontaria nell'organizzazione ‘Monsignor Giuseppe Babini’. La mia decisione di lavorare come volontaria è stata ben ponderata. Da tempo pensavo ad un impegno del genere, soprattutto perché un'attività con la gente e per la gente mi ha sempre procurato grande soddisfazione.

 Due anni fa terminai la scuola per Animatori Culturali e Bibliotecari nella mia città natale, Wroc1aw. Si tratta di una scuola orientata soprattutto ad un'attività tesa a diffondere la cultura e le arti, ma anche ad offrire aiuti diversi a comunità locali.

  Al tempo degli studi presi parte ed organizzai diverse iniziative, anche a carattere terapeutico destinate a bambini, a giovani e a persone adulte, tra cui anche disabili. Queste attività mi hanno sempre procurato grande soddisfazione, e so che questa è la strada che desidererei percorrere in futuro

  Anche per questo è stata per me di grande interesse l'attività dell'organizzazione "Monsignor Giuseppe Babini".

 Soprattutto perché si occupa di aiuti di vario genere a persone anziane, un'esperienza assolutamente nuova per me. In passato non avevo mai avuto occasione di aiutare persone anziane, e desideravo molto sapere in che cosa consiste questo tipo di lavoro. Ora, dopo un mese (alla data di oggi ormai sono più di sei mesi) di soggiorno a Solarolo, so che. richiede tanta attenzione e cuore; quel che posso fare io è solamente una piccola parte del necessario, ma sento che è molto utile, cosa che per me è motivo di grande felicità

 Sono convinta che lavorando per un anno come volontaria in questa organizzazione sarò in grado di imparare molte nuove cose e mettere a profitto in qualche modo le mie precedenti conoscenze, ma soprattutto questo sarà per me una meravigliosa scuola di vita. Ritengo inoltre che l'anno che trascorrerò a Solarolo sarà per me occasione di conoscere la çultura, le usanze e la vita di ogni giorno degli italiani. Il mio soggiorno qui arricchirà di molto le mie esperienze e la mia concezione del mondo, cosa che considero tra le priorità in questa occasione. Desidero inoltre aggiungere che molto mi rende felice la mia venuta a Solarolo. Vorrei ringraziare di cuore per la calorosa accoglienza e per la cordialità che mi viene offerta in ogni occasione.

  Dall'inizio del mio soggiorno in Italia mi sono sentita bene grazie all'amichevole atmosfera che mi circonda. Questo mi fa sentire a Solarolo come a casa mia. Sono affascinata da questo luogo e dai suoi abitanti e molto felice, che io possa trascorrere qui un intero anno. Farò in modo di trarre il massimo profitto.

  Per me questa è un'opportunità che non posso sciupare. So che questo avrà un grande significato per tutta la mia vita.”