top of page

Aggredito un nostro volontario a Ferrara. Siamo di fronte a gesti più rabbiosi e rancorosi.

Da www.estense.com Un’aggressione inspiegabile ai danni di un volontario di Anteas, che stava svolgendo attività di facilitazione per l’utenza presso gli sportelli Cup della Casa della Comunità di Cittadella San Rocco. È quanto accaduto nella mattinata di mercoledì 26 aprile, quando un uomo ha colpito con diversi pugni al volto il volontario 63enne, che è caduto a terra battendo la testa e riportando fratture al naso e al volto.

Il diverbio sarebbe nato perché all’aggressore, un 27enne italiano, gli sarebbe stato chiesto di mettere la mascherina.

La vittima è stata subito soccorsa da personale sanitario presente nella struttura, poi trasportata in ambulanza all’ospedale di Cona.

Stando a quanto si apprende non avrebbe mai perso conoscenza e fortunatamente non sarebbe in gravi condizioni, ma al momento resta ricoverato in osservazione.

Quanto all’uomo che lo ha aggredito, dopo essersi dato alla fuga, è stato trovato e identificato dai militari dell’Arma.

La direttrice generale delle Aziende Sanitarie ferraresi, dottoressa Monica Calamai, esprime sdegno per l’inqualificabile episodio e solidarietà nei confronti del volontario e dell’Associazione Anteas: “Tutta la mia vicinanza al presidente dell’associazione e al volontario ferito, al quale auguro una rapida ripresa – dichiara la direttrice -. Ringrazio il personale sanitario per il soccorso subito prestato alla vittima e le forze dell’ordine per l’immediato intervento”

Calamai ha concluso: “Si tratta di un atto miserabile e vergognoso. La violenza, sempre ingiustificata, diventa ancor più grave e intollerabile se effettuata contro coloro che si prendono cura delle altre persone, come accaduto in questo caso e come, più in generale, accade nei confronti del personale sanitario. Rimarco, infine, il massimo impegno della direzione per l’attuazione di ogni possibile misura per prevenire e contrastare questo fenomeno”.


"Dopo i medici e gli infermieri adesso pure i volontari vengono aggrediti.

Abitiamo un mondo sempre più rancoroso e aggressivo, dove anche il più semplice messaggio di protezione o di richiesta gentile viene interpretato come un abuso, una scortesia a cui contrappore reazioni violente.

Non possiamo che condannare questo ignobile gesto e auspicare che per il nostro volontario di Ferrara non vi siano conseguenze.

Non possiamo accettare che donare il proprio tempo e la propria disponibilità per gli altri venga ripagata in questo modo. Piena solidarietà e vicinanza al Volontario ferito, alla sua famiglia e ai nostri volontari di Anteas Ferrara. Siamo sicuri, che nonostante questo increscioso episodio continueranno ad esserci per costruire una comunità ed un mondo migliore"..

La Presidenza Regionale Anteas Emilia Romagna

12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page